© 2019 by Mario Conti & Antonio Isca

vistavisione@gmail.com

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • w-flickr

BAGNO ELENA

Bagno Elena - English text

MARIO CONTI

Spiaggia di città. Un tuffo a mare in un ritaglio di tempo. In costume sotto i palazzi che ti guardano, fra le quinte teatrali del Vesuvio e di Palazzo Donn'Anna, creatura ibrida del '600, mezza scoglio di tufo e mezza ricca dimora. 

Questa spiaggia è nelle gouaches del Grand Tour fin dal 1700. Fu rifugio dell'idillio dell'ammiraglio Nelson con Lady Hamilton. La bella giornata di "Ferito a morte" si stende sopra e dentro queste acque. Uno scenario di cui tutto si è detto e visto. Io l'ho ripreso in umiltà, immerso nell'acqua, da sotto il pontile del Bagno Elena, esso stesso istituzione ormai secolare.

E' una postazione sensoriale; qui sotto, l'odore di salsedine di alghe di legno impregnato è più forte; ad esclusivo beneficio del fotografo e non del suo pubblico.

Sul tardi, della spiaggia si impossessano i gabbiani. Ma non sempre ne resteranno padroni fino al mattino: a volte incombe l'allestimento di sponsali - dizione qui molto in uso. E allora l'ultimo scatto è della signora di passaggio sulla strada, conquistata da tanto abbagliante candore.

 

VISUALIZZAZIONE:
Computer e tablet
Cliccare sulla prima foto. Poi continuare a cliccare, o usare le freccine destra e sinistra.

Telefono: Toccare la prima foto. Poi scorrere col dito le immagini.

1/11